Il laboratorio di teatroterapia sta per iniziare!
0
0
0
0
Days
0
0
Hrs
0
0
Min
0
0
Sec
A partire dall’8 ottobre, tutti i martedì dalle 18:00 alle 20:00

TEATROTERAPIA

Il Laboratorio di Teatroterapia è condotto dalla coach Aurin Proietti e dallo psicologo-psicoterapeuta Salvo Traina, una volta a settimana, a partire dal 8 ottobre 2019, tutti i martedì dalle 18:00 alle 20:00.
Il laboratorio è aperto a tutti coloro che desiderano intraprendere un profondo lavoro su se stessi attraverso la magica arte del teatro e della psicologia umanistica.
Il Teatro come mezzo di conoscenza, comprensione, integrazione, educazione emotiva, esplorazione, purificazione e rinascita.
La teatroterapia, è quindi uno strumento per favorire una profonda e attiva consapevolezza del Sé e del proprio modo di relazionarsi con gli altri e il mondo esterno, facilitando lo sviluppo di un ben-essere psico-fisico, grazie all’interiorizzazione degli stimoli ricevuti in forma di monologo/dialogo interiore.
In questo magico spazio sarà quindi possibile:

Quali obiettivi sarà possibile raggiungere?

L’obiettivo principale sarà quello di creare uno spazio relazionale in cui ciascun partecipante possa sperimentarsi.

Aprirsi alla creatività di un’improvvisazione  teatrale attraverso l’uso del corpo, della voce, all’interno di un gruppo, con dei canovacci teatrali co-costruiti, i partecipanti hanno la possibilità  di sperimentare  i vantaggi di una  relazione creativa,  fuori dalla fobie, dalle asocialità, dalle ansie,  dallo stress, dalle “scatole”  in cui spesso si  rinchiudono.

Recitare improvvisando, rappresenta un’esperienza unica  in cui, attraverso il proprio corpo,  si acquista un ruolo, lo si  può osservare,  ci si può dialogare e   si può giocare a dare voce a tutte quelle emozioni che abitano il nostro corpo e respirarle profondamente.

Prenota una lezione gratuita

“Tutto il mondo è un teatro e tutti gli uomini e le donne non sono che attori: essi hanno le loro uscite e le loro entrate; e una stessa persona, nella sua vita, rappresenta diverse parti”

William Shakespeare